demone

racconto orientale
parte I

io
triste Demone, lo spirito dell'esilio,
Ha volato sopra la terra peccaminosa,
E ricordi di tempi migliori
Davanti a lui una fitta folla;
quei giorni, quando l'alloggiamento luce
lui brillava, cherubino puro,
Durante l'esecuzione di una cometa
Sorriso saluti affettuosi
L'ho amato per scambiare,
Quando attraverso le nebbie eterne,
Poznan avidi, ha guardato
carovane nomadi
Nello spazio abbandonato dalle stelle;
Quando lui creduto e amato,
primogenito Felice della creazione!
Sapevo malizia, senza dubbio,
E non minacciava la mente
Secoli di serie infruttuosa di noioso ...
e molti, un sacco ... e tutti
Ricorda che non aveva la forza!

II
È stato a lungo un girovagare emarginato
deserto del mondo senza riparo:
secolo dopo secolo Vosled fuggito,
Per quanto riguarda gli minuto Minuti,
monotona successione.
terra vlastvuya Void,
Ha seminato male senza gioia.
In nessun luogo l'arte del suo
Egli non ha incontrato resistenza -
E il male si annoia con lui.

III
E sopra le cime del Caucaso
Exile paradiso volare:
Sotto di essa Kazbek, come una sfaccettatura del diamante,
nevi eterne brillava,
e, in fondo annerimento,
Come rompere, abitazione serpente,
Ha arricciato izluchisty Daryal,
e Terek, saltare, come una leonessa
Con la grivoy pelosità di hrebte,
baldoria, - montagna e la bestia, e uccelli,
Whirling in altezza azzurro,
acque verbo che si richiamava;
E le nuvole d'oro
Da paesi del sud, a distanza
La sua nord accompagnato;
E rock la folla da vicino,
sonno misterioso pieno,
Sopra di loro chinare il capo,
All'uscita onda sfarfallio;
E la torre del castello sulle rocce
Abbiamo guardato minacciosamente nella nebbia -
Alle porte del Caucaso sull'orologio
giganti guardia!
I Dik, e un teaser è stato intorno
Tutto il mondo di Dio; ma lo spirito fiero
occhio sprezzante Guardato
La creazione del suo dio,
E sulla sua fronte alta
Non pregiudica nulla.

IV
E prima di lui un quadro
vivo fioritura bellezza:
Georgia lussuoso Valley
Carpet estendeva;
felice, fine rigoglioso della terra!
pioppi stolpoobraznye,1
flussi di Zvonko scorre
Al fondo delle pietre colorate,
E cabine rose, dove usignoli
bellezze di canto, senza risposta
Sul dolce voce dell'amore;
baldacchino folta Chinar,
Coronato di edera spessore,
grotta, dove bruciante giorno
Tayatsya robkye Helena;
e lucentezza, e la vita, e il suono di fogli,
Stozvuchny voce dice,
Respiro di migliaia di piante!
E il calore sensuale mezzo,
E fragrante con la rugiada
inumidito Sempre la notte,
E le stelle luminose, come gli occhi,
Come gli occhi di un giovane georgiani!..
ma, Freddo tranne l'invidia,
brillare la natura non ha presentato
In seno esilio sterile
Non ci sono nuovi sentimenti, no nuove forze;
E questo è tutto, che ha visto prima di lui,
Disprezzava il odiava.

V
alto casa, ampio cortile
Il Goodall dai capelli grigi attualmente costruito ...
Fatica e lacrime è costato un sacco
schiavi obbedienti per lungo tempo.
Al mattino sulla rampa montagna adiacente
Dalle mura della sua caduta ombre.
La fase di roccia tritata;
Sono di torre d'angolo
Portare al fiume, li sfarfallio,
Pokrыta ʙeloju Darfuŕe,2
Principessa Tamara Giovani
Con Aragvi passeggiate a prendere l'acqua.

NOI
valli sempre silenzioso
Ho guardato oltre la scogliera una casa cupa;
Ma oggi grande festa in esso -
disegnare Zvuchit́,3 e versare viéby -
Goodall promessa sposa sua figlia,
Il banchetto, ha chiamato tutta la famiglia.
sul tetto, cosparso di tappeti,
La sposa si trova tra gli amici:
Tra i giochi e le canzoni del loro tempo libero
passaggi. montagne lontane
Oh, il sole è nascosto semicerchio;
Nel palmo della tua mano ritmicamente sbattendo,
Cantano - e il suo tamburello
Prende giovane sposa.
E qui è, con una mano
Whirling sopra la sua testa,
Poi improvvisamente correre uccelli più leggeri,
si fermerà, - sembra -
E i suoi occhi umidi brillanti
Da sotto le ciglia gelosi;
Il cavo sopracciglio nero,
Poi improvvisamente piegarsi leggermente,
E far scorrere sul tappeto, galleggianti
Il suo piede divino;
E lei sorride,
Divertimento per i bambini completi.
Ma un raggio di luna, di umidità traballante
Un po 'a giocare volte,
Basta eh rispetto a quel sorriso,
come la vita, come un essere vivente giovani.

Vota:
( Nessuna valutazione ancora )
condividi con i tuoi amici:
Mikhail Lermontov
Aggiungi un commento